Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Terapia Biologica Maci

Home  /  Terapia Biologica Maci

Terapia Biologica Maci

Che cos’è l’impianto di condrociti autologhi indotti da matrice (MACI)?

L’impianto di condrociti autologhi indotti da matrice o MACI è una procedura in cui le cellule del paziente vengono utilizzate per far ricrescere la nuova cartilagine per l’articolazione del ginocchio. Per questo motivo, si tratta di una procedura in due parti.

 

Inizialmente, una biopsia della cartilagine viene eseguita artroscopicamente. Ciò consente al chirurgo di guardare all’interno del ginocchio con una videocamera, rimuovere un po’ ‘della cartilagine del paziente e quindi inviarlo a un laboratorio per farla crescere.

Quando la cartilagine è pronta, il chirurgo prende l’impianto di cartilagine e lo taglia per adattarsi perfettamente al difetto del ginocchio del paziente. Le cellule della cartilagine quindi crescono e si rafforzano durante il recupero.

Chi è un candidato per MACI?

  • Pazienti con lesioni della cartilagine sintomatica nel ginocchio
  • Pazienti con instabilità rotulea che hanno causato dolorosa degenerazione della cartilagine nella loro articolazione rotulea-femorale

I sintomi di queste condizioni includono dolore acuto o sordo nella parte anteriore del ginocchio che viene amplificato sedendosi per lunghi periodi di tempo, salendo e scendendo le scale o qualsiasi attività nella vita di tutti i giorni o l’allenamento che comporta un movimento accovacciato. I sintomi di instabilità rotulea includono la rotula che esce dal suo binario e o sublussa o lussa.

I candidati a MACI saranno valutati utilizzando sia un esame fisico sia una risonanza magnetica (MRI) per fornire il quadro più chiaro della lesione della cartilagine presente nel ginocchio.

Cosa succede durante l’intervento chirurgico MACI?

Durante la prima operazione, il chirurgo osserva il ginocchio attraverso due piccoli portali (uno mediale, uno laterale). Usando una fotocamera molto piccola, il chirurgo può guardare all’interno del ginocchio per esaminare le condizioni della cartilagine. Se necessario, il chirurgo può sbrigliare – rimuovere i tessuti danneggiati – dal ginocchio, quindi eseguire una biopsia della cartilagine del paziente. Questa procedura richiede circa 30 minuti. La biopsia viene quindi inviata al laboratorio per crescere su una matrice di collagene per circa un mese. Ciò consente alla cartilagine di essere relativamente stabile quando viene reinserita nel ginocchio durante la fase due della procedura.

Durante la seconda operazione, il chirurgo taglia l’impianto MACI cresciuto in laboratorio alla dimensione esatta del difetto nel ginocchio del paziente. L’impianto viene quindi incollato sul difetto. Questa procedura richiede circa un’ora e comporta un’incisione da 3 cm. La seconda operazione è quella in cui si svolgerà una procedura combinata (come l’osteotomia del tubercolo tibiale o la ricostruzione dell’MPFL) se necessario.

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Com’è il recupero dalla chirurgia MACI?

Poiché MACI è una procedura in due passaggi, ci saranno due ripristini dopo ciascuna delle fasi.

Fase 1: il paziente ritorna a casa dall’ospedale lo stesso giorno in cui riceve la procedura. Il paziente può sopportare immediatamente il peso come tollerato e la maggior parte dei pazienti è senza stampelle entro pochi giorni. I pazienti possono progredire con l’attività tollerata. La maggior parte dei pazienti può tornare al lavoro entro un giorno o due.

Fase 2: il paziente ritorna a casa dall’ospedale lo stesso giorno in cui riceve la procedura. I pazienti si sveglieranno dall’intervento chirurgico con un tutore chiuso e ci si aspetta che indossino il tutore per 6 settimane. Durante quelle 6 settimane, i pazienti possono essere autorizzati a sostenere il peso tollerato (se non hanno un’osteotomia) e sbloccare la ginocchiera durante attività come la seduta. Ai pazienti verrà anche chiesto di utilizzare una macchina a movimento passivo continuo (CPM) per ridurre al minimo il tessuto cicatriziale, incoraggiare anche la crescita della cartilagine e mantenere le articolazioni in movimento senza utilizzare attivamente i muscoli dei pazienti. La terapia fisica inizia dopo 4-6 settimane dalla seconda operazione. Ulteriori procedure, come la ricostruzione del MPFL e l’osteotomia del tubercolo tibiale, alterano il recupero.

Quali risultati posso aspettarmi dalla chirurgia MACI?

I pazienti che sono buoni candidati per MACI dovrebbero aspettarsi un miglioramento significativo del dolore e della funzione del ginocchio. Gli obiettivi devono essere discussi con il chirurgo prima di selezionare una procedura, ma i pazienti sono spesso in grado di tornare a sport e attività a cui il loro dolore al ginocchio impediva loro di partecipare. Come per qualsiasi intervento chirurgico, ci sono rischi che dovrebbero essere discussi con il chirurgo prima di subire un intervento chirurgico MACI.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!