Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Fascite Plantare

Home  /  Sport Medicine  /  Fascite Plantare

Fascite Plantare

La fascia plantare è il legamento che attraversa la parte inferiore del piede, collegando l’osso del tallone alla parte anteriore del piede. Questo legamento funge da ammortizzatore e sostiene l’arco. In caso di stress e lesioni ripetitive, questa fascia di tessuto si infiamma causando dolore lancinante e gonfiore nella zona del tallone, rendendo difficile sopportare peso e camminare.

Quali sono le cause della fascite plantare?

La fascite plantare è normalmente una condizione cronica che può essere innescata indossando calzature non di supporto, corsa o talvolta nessuna ragione specifica. I fattori che contribuiscono includono:

–   Età: di solito inizia intorno ai 40 anni

–   Esercizio che mette a dura prova il tallone che comporta correre, saltare e ballare

–   Anatomia del piede – piedi piatti, archi alti o problemi di allineamento

–   Obesità: il peso extra aggiunge stress ai piedi

–   Lavori che richiedono lunghe ore in piedi o camminando

–   Come faccio a sapere se ho la fascite plantare?

 

Il sintomo principale della fascite plantare è un intenso dolore nella zona del tallone che è spesso peggiore al mattino e migliora durante il giorno. Il dolore è generalmente concentrato dove il legamento incontra la base del tallone.

Diagnosi della fascite plantare

Il trattamento iniziale per la fascite plantare prevede riposo, ghiaccio, stretching e antinfiammatori non steroidei (FANS) come naprossene o ibuprofene. L’uso del massaggio e l’allungamento del piede, del tendine d’Achille e del muscolo del polpaccio aiutano ad alleviare la tensione e forniscono sollievo. Molti pazienti trovano utile arrotolare una bottiglia d’acqua congelata sotto il piede.

Se la fascite plantare persiste o peggiora, uno specialista del piede potrebbe raccomandare:

–   Fisioterapia – esercizi e movimenti che possono aiutare a allungare e rafforzare i piedi e proteggerti dall’infiammazione

–   Ortesi – ortesi personalizzate possono aiutare con qualsiasi problema anatomico mentre si cammina e si esercita per distribuire la pressione in modo più uniforme

–   Iniezioni di steroidi: questo verrebbe iniettato nell’area più infiammata e dovrebbe alleviare il dolore per circa un mese e ridurre drasticamente la quantità di infiammazione

–   Terapia strumentale con onde d’urto – coloro che non rispondono alla terapia fisica e ad altri metodi potrebbero essere idonei per questa tecnica non chirurgica che utilizza le stesse onde che rompono i calcoli renali

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Si raccomanda un intervento chirurgico per la fascite plantare?

La maggior parte delle persone con fascite plantare (circa il 95%) non necessita di intervento chirurgico. Per i casi gravi, ci sono diverse procedure chirurgiche che potrebbero ridurre la tensione sul legamento:

–   Tenex: una procedura minimamente invasiva che rimuove il tessuto cicatriziale dalla fascia plantare

–   Tenotomia della fascia plantare: chirurgia a cielo aperto con incisione o procedura endoscopica con incisioni molto piccole in cui il chirurgo taglia parte della fascia per liberare tensione e gonfiore.

Come con qualsiasi intervento chirurgico, ci sono rischi che il chirurgo dovrebbe esaminare prima di prendere la decisione di sottoporre un paziente a un intervento chirurgico di fascite plantare. Il recupero dipende dal tipo di procedura chirurgica, ma può richiedere fino a 6-10 settimane e 3 mesi per un’attività sportiva.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!