Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Sindrome Patello Femorale

Home  /  Ginocchio  /  Sindrome Patello Femorale

Sindrome Patello Femorale

La sindrome del dolore patello-femorale (comunemente chiamato “ginocchio del corridore”) descrive il dolore nell’articolazione patellof-emorale (rotula e parte anteriore del femore) causata da un uso eccessivo piuttosto che da una lesione traumatica. Altri nomi per la sindrome del dolore patello-femorale includono “condromalacia patellare” (un riferimento alla degenerazione della cartilagine nell’articolazione) e “ginocchio dello spettatore” (poiché alcune persone avvertono dolore durante periodi di seduta prolungata).

Sebbene questo dolore possa diventare evidente durante le attività atletiche come la corsa, è evidente anche nelle attività quotidiane. I pazienti lo notano spesso quando:

  • salgono e scendono le scale
  • stanno seduti a lungo e poi si rialzano
  • si accovacciano
  • indossano tacchi alti

Il dolore è generalmente meno pronunciato quando si cammina su una superficie piana.

Anatomia del ginocchio del corridore

Il dolore si prova spesso nelle aree inferiore ed esterna della rotula, sotto la rotula e all’esterno del ginocchio. Tuttavia, i pazienti possono anche provare dolore all’intera articolazione, o nei casi più gravi, nella parte posteriore del ginocchio.

I pazienti con questa sindrome hanno una distribuzione irregolare di stress o carico sotto la rotula che sta causando dolore. A volte, ciò è dovuto a un’inclinazione anormale della rotula che può essere vista ai raggi X.

Poiché il dolore patellofemorale inibisce il muscolo quadricipite (il muscolo principale davanti alla coscia) dal fare il suo “lavoro” di scaricare lo stress sulla rotula, una volta che si verifica il dolore, spesso progredisce.

La sindrome del dolore patello-femorale – così come altri problemi con la rotula – sono visti molto più frequentemente nelle donne che negli uomini. Le donne si trovano naturalmente in una posizione più valga in ginocchio, una postura che tira automaticamente la rotula verso l’esterno della gamba e mette a rischio il ginocchio per questa distribuzione irregolare dello stress.

Anche i muscoli troppo contratti e i tessuti molli che supportano il ginocchio, inclusi i muscoli posteriori della coscia e la banda iliotibiale (IT) (il tessuto connettivo che corre lungo il lato esterno della coscia fino alla rotula) possono portare alla condizione. Al contrario, le donne con i tessuti molli iper-mobili e sciolti possono anche sviluppare la sindrome a causa della debolezza e dell’incapacità dei muscoli di supporto di bilanciare o scaricare la rotula, permettendo così di muoverla lateralmente dalla troclea.

Gli ortopedici valutano il dolore rotuleo con un esame fisico approfondito che include la valutazione di eventuali squilibri che possono essere presenti dai piedi in alto. Oltre a una rotula inclinata, il dolore può essere esacerbato da altri fattori che sollecitano ulteriormente l’osso, inclusi i piedi piatti, la rotazione anormale dei fianchi, la tensione della banda IT e i flessori dell’anca. È inoltre possibile ottenere immagini a raggi X e RM.

Trattamento per il dolore patellofemorale

La maggior parte delle persone con sindrome del dolore patello-femorale può essere trattata in modo non operatorio. Il primo obiettivo del trattamento è quello di “calmare il ginocchio” con farmaci antinfiammatori, applicazione di ghiaccio e relativo riposo. I pazienti devono inoltre modificare qualsiasi attività che sta esacerbando la condizione, evitando la partecipazione a sport di impatto, allenamenti ad alta intensità, squat o affondi e minimizzando la salita delle scale, almeno temporaneamente.

Nei casi in cui un problema anatomico come i piedi piatti svolge un ruolo, possono essere prescritti ortesi. Nei pazienti che corrono, se le irregolarità nell’atterraggio – come la pronazione o la supinazione – stanno contribuendo al dolore, potrebbe essere necessaria una scarpa diversa. In alcuni casi un’iniezione di cortisone può essere utile al fine di ridurre l’infiammazione del ginocchio in modo che il paziente possa tollerare un programma di stretching e rafforzamento.

Viene avviato un regime di terapia fisica per allentare i tessuti contratti, se presenti, e per migliorare la resistenza strutturale in tutta la gamba e l’anca. In alcuni casi, quando la terapia fisica non produce il miglioramento previsto, si richiedono ulteriori esami come la risonanza magnetica con sequenze specializzate per rilevare i cambiamenti precoci della cartilagine.

L’intervento di release laterale può essere utile in combinazione con un intervento chirurgico più ampio come un’osteotomia del tubercolo tibiale o una ricostruzione del legamento patellofemorale mediale (MPLF), come parte del bilanciamento generale dei tessuti molli. Questi interventi riguardano individui che hanno una rotula inclinata e cartilagine intatta e che non hanno risposto a una terapia fisica estesa. Ad ogni modo, la schiacciante maggioranza  di pazienti con sindrome patella-femorale non richiede un intervento chirurgico.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!