Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Gonartrosi e Protesi

Home  /  Ginocchio  /  Gonartrosi e Protesi

Artrosi del Ginocchio

L’Articolazione del Ginocchio

L’articolazione del ginocchio può essere pensata come un’articolazione a cerniera, con il movimento primario di raddrizzamento e flessione. In realtà, è più complesso di una semplice cerniera, poiché le superfici scivolano e rotolano l’una sull’altra. È composto dall’estremità dell’osso della coscia (femore), dalla parte superiore dell’osso della gamba (tibia) e dalla rotula (rotula).

Le estremità dell’osso sono coperte da uno strato liscio e scintillante chiamato cartilagine articolare. La cartilagine articolare è ciò che consente alle ossa di scivolare dolcemente, con meno resistenza della lama che scivola sul ghiaccio. La cartilagine articolare può essere vista ai raggi X come lo spazio tra le ossa.

Si può pensare che il ginocchio abbia 3 scomparti: mediale, laterale e rotulofemorale. Inoltre, all’interno dell’articolazione del ginocchio sono presenti 2 strutture speciali chiamate menisco laterale e mediale, che fungono da ammortizzatori all’interno dell’articolazione del ginocchio. Ci sono anche 2 legamenti all’interno del ginocchio, chiamati legamento crociato anteriore e legamento crociato posteriore, che contribuiscono alla stabilità del ginocchio.

Artrosi del ginocchio

L’artrosi del ginocchio è una condizione in cui si verifica la perdita della cartilagine articolare del femore, della tibia o della rotula. Questo può essere visto ai raggi X come una perdita di spazio tra le due estremità dell’osso.

A causa della perdita delle superfici di scorrimento dell’osso, le persone con artrosi possono sentirsi come se il loro ginocchio fosse rigido e il loro movimento limitato. A volte, le persone in realtà avvertono una morsa o un clic all’interno del ginocchio. Generalmente, caricare l’articolazione del ginocchio con attività come camminare per lunghe distanze, stare in piedi per lunghi periodi di tempo o salire le scale peggiora il dolore. Quando l’artrosi è diventata grave, il dolore può manifestarsi anche quando si è seduti o sdraiati. Il dolore si sente di solito nella parte interna del ginocchio, ma può anche essere sentito nella parte anteriore o posteriore del ginocchio. Man mano che la cartilagine viene consumata preferibilmente su un lato dell’articolazione del ginocchio, le persone potrebbero scoprire che il loro ginocchio diventerà più flesso o con le gambe arcuate.

 

L’artrosi del ginocchio di solito si verifica nelle persone che entrano nei loro anni ’60 -’70, ma questo è variabile a seconda di fattori come peso, livello di attività e anatomia del ginocchio. L’artrosi può essere causata da una varietà di fattori, tra cui semplice usura, disturbi infiammatori come il lupus o l’artrite reumatoide, infezioni e post-traumatico. Le persone che hanno avuto un precedente infortunio al ginocchio, che hanno danneggiato il menisco o il legamento crociato possono sviluppare l’artrosi più velocemente. Il risultato finale di tutti questi processi è una perdita della cartilagine dell’articolazione del ginocchio, che porta allo sfregamento osso contro l’osso.

Trattamento dell’artrosi del ginocchio

A seconda della gravità dell’artrosi e dell’età del paziente, il trattamento può consistere in metodi chirurgici o non chirurgici o in una combinazione di entrambi.

 

Gestione NON Chirurgica

La prima linea di trattamento dell’artrite del ginocchio comprende la modifica delle attività, i farmaci antinfiammatori e la perdita di peso. Rinunciare ad attività che aggravano il dolore può rendere sopportabile questa condizione per alcune persone. I farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene, il naprossene e i più recenti inibitori del Cox-2 aiutano ad alleviare l’infiammazione che può contribuire al dolore.

 

La terapia fisica per rafforzare i muscoli intorno al ginocchio può aiutare ad assorbire parte dello shock impartito all’articolazione. Ciò è particolarmente vero per l’artrosi al ginocchio patello-femorale (contatto femore-rotula quando si fanno attività in flessione sotto carico). Tipi speciali di tutori, progettati per posizionare il trasferimento del carico su una parte del ginocchio che è meno artrosica possono anche aiutare ad alleviare il dolore. Le iniezioni di farmaci all’interno dell’articolazione del ginocchio possono alleviare temporaneamente il dolore.

Inoltre, camminare con un bastone nella mano sul lato opposto può essere utile, poiché il ginocchio doloroso può aiutare a distribuire parte del carico, riducendo il dolore. Infine, la perdita di peso aiuta a ridurre la forza che attraversa l’articolazione del ginocchio.

Una combinazione di queste misure non operative può aiutare ad alleviare il dolore e la disabilità causati dall’artrosi del ginocchio.

Gestione Chirurgica

Se i metodi non chirurgici non sono riusciti a rendere sopportabili le tue condizioni, la chirurgia può essere l’opzione migliore per trattare l’artrosi del ginocchio. Il tipo esatto di intervento dipende dall’età, dall’anatomia e dalle condizioni sottostanti. Alcuni esempi di opzioni chirurgiche per il trattamento dell’artrosi includono un’osteotomia, che consiste nel tagliare l’osso per riallineare l’articolazione, ma di solito si riserva al paziente molto giovane e che presenta ancora un discreto stato dell’articolazione; oppure il trapianto di menisco, per chi ha un’artrosi secondaria all’asportazione del menisco e ha ancora un buono stato cartilagineo (sempre pazienti molto giovani). Entrambe le soluzioni, però, prevedono percorsi riabilitativi estremamente lunghi. Altrimenti rimane la chirurgia di sostituzione parziale o totale del ginocchio.

L’intervento di sostituzione del ginocchio comporta il taglio delle superfici ossee artrosiche (che hanno perso la cartilagine completamente) e l’inserimento di un rivestimento (protesi). La protesi è realizzata con superfici in metallo (titanio) e plastica (polietilene), progettate per scivolare uniformemente l’una contro l’altra.

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Protesi di Ginocchio

Storia

L’intervento di sostituzione del ginocchio è stato eseguito per la prima volta nel 1968 e si è evoluto nel corso degli anni in un modo affidabile ed efficace per alleviare il dolore invalidante e consentire ai pazienti di riprendere la propria vita attiva. I miglioramenti nelle tecniche chirurgiche e nella progettazione e costruzione degli impianti hanno contribuito a rendere questa una delle procedure ortopediche di maggior successo oggi. Man mano che la popolazione è cresciuta ed è diventata più attiva, la necessità di una sostituzione del ginocchio è continuata e continua tuttora ad aumentare. Oggi, negli Stati Uniti vengono effettuati circa 270.000 interventi di sostituzione totale o parziale del ginocchio ogni anno.

Perché decidere di avere un intervento chirurgico?

Le persone spesso si chiedono quando e perché dovrebbero avere il ginocchio sostituito. Questa è una domanda la cui risposta varia persona a persona, in base al dolore e al tipo di vita che è costretto a fare a causa di esso.

Molte persone con artrosi vivono con un dolore che impedisce loro di partecipare alle attività che amano; altri sono così debilitati che hanno difficoltà a indossare scarpe e calzini. La protesi del ginocchio offre una soluzione al problema e viene eseguita con l’obiettivo di alleviare il dolore e riprendere l’attività immediatamente.

Dopo una corretta riabilitazione, un paziente può aspettarsi di avere almeno lo stesso movimento di prima dell’intervento, senza dolore. Secondo uno studio presentato all’American Academy of Orthopaedic Surgeons, la protesi del ginocchio migliora notevolmente la qualità della vita di un paziente e riduce significativamente i suoi costi di trattamento a lungo termine.

Tuttavia, l’intervento di protesi di ginocchio è considerata un’operazione importante e la decisione di effettuarla non è banale. Le persone di solito decidono di sottoporsi a un intervento chirurgico quando sentono di non poter più vivere con il dolore derivante dell’artrosi.

Come è fatta una protesi di ginocchio?

L’impianto di sostituzione totale del ginocchio è composto da 4 parti: la componente tibiale, quella femorale, una rotula e un inserto in plastica. I componenti tibiale e femorale sono realizzati in metallo, generalmente cromo cobalto o titanio, e vengono utilizzati per ricoprire le estremità del femore e della tibia dopo la rimozione dell’osso artritico. L’inserto in plastica è realizzato in polietilene ad altissimo peso molecolare e si inserisce nella componente tibiale, in modo che la superficie del femore scivoli contro la plastica. Anche la componente della rotula è realizzata in polietilene e scivola contro la parte anteriore della componente femorale. Tutti insieme i componenti pesano circa 1 kg. Sono generalmente fissati all’osso con cemento.

L’impianto di sostituzione parziale di ginocchio, invece, è composto da 3 parti, ma più piccole perché “metà protesi”: quella tibiale, quella femorale e la componente in plastica. Questo tipo di protesi è impiantata solo da chirurghi che hanno sviluppato l’abilità tecnica per posizionarla correttamente ed hanno, quindi, confidenza con la procedura.

La Procedura

La sostituzione totale o parziale di ginocchio viene eseguita in una sala operatoria con uno speciale sistema di flusso d’aria laminare, che aiuta a ridurre la possibilità di infezione. Il chirurgo indosserà una “tuta spaziale”, progettata anch’essa per ridurre la possibilità di infezione. L’intero team chirurgico sarà composto dal chirurgo, da due a tre assistenti e da un’infermiera.

L’anestesia praticata è la “spinale”, in gergo medico detta “epidurale”. Questa, è lo stesso tipo di anestesia somministrata alle donne in travaglio. Verrai intorpidito dalla vita in giù in modo da non sentire nulla: talvolta, si può decidere di addormentare solo la gamba da operare e non tutte e due. Nel corso dell’operazione, puoi essere sveglio o essere indotto ad un sonno leggero (come vuoi). Attenzione: un sonno leggero non vuol dire anestesia generale! Se vuoi potrai ascoltare anche della musica.

Dopo la somministrazione del blocco epidurale, un laccio emostatico o un bracciale verrà posizionato intorno alla coscia. Il laccio emostatico verrà gonfiato durante l’intervento chirurgico per aiutare a ridurre la perdita di sangue. L’incisione per una sostituzione totale del ginocchio viene eseguita lungo la parte anteriore del ginocchio. L’incisione misurerà circa 7-10 cm, a seconda della tua anatomia.

Le superfici artrosiche del femore, della tibia e della rotula vengono esposte e rimosse con strumenti elettrici. In tal modo, le deformità del ginocchio vengono corrette e il ginocchio apparirà più dritto dopo l’intervento chirurgico. L’osso è pronto a ricevere l’articolazione del ginocchio artificiale, quindi viene inserita la protesi. Con il Protocollo Fast Track che utilizzo, non avrai tubi che escono dal ginocchio e la ferita verrà chiusa con un filo riassorbibile (a meno che la cute non abbia problemi).

L’intera operazione richiederà mediamente 45 minuti per la protesi parziale e 60 minuti per quella totale. Successivamente, verrai portato nella stanza di osservazione, dove verranno i tuoi parametri vitali (pressione, frequenza cardiaca, saturazione ossigeno). La maggior parte dei pazienti può essere portata in una stanza normale entro circa 45 minuti. I pazienti sottoposti al Protocollo Fast Track generalmente rimangono in ospedale per 3-4 giorni dopo l’intervento chirurgico, perché hanno già acquisito la loro autonomia nella attività basiche quotidiane. Nella media italiana il tempo di degenza dopo protesi di ginocchio si attesta, invece, a 9 giorni.

Quali sono i Rischi?

Alcuni dei rischi della procedura chirurgica includono la perdita di sangue, la formazione di un coagulo nella gamba (trombosi) e la possibilità di infezione. L’incidenza complessiva di questi rischi è molto piccola. Dovrebbero essere discussi con il chirurgo prima di procedere con l’operazione.

Alcuni dei rischi di avere una protesi di ginocchio totale o parziale includono la possibilità che le parti possano allentarsi o usurarsi nel tempo. Ancora una volta, questi problemi verranno discussi con te dal tuo chirurgo.

Quanto dura la protesi?

Una protesi di ginocchio ha una durata molto simile a qualsiasi altra parte anatomica con parti meccaniche. La sua longevità dipende da una varietà di fattori, tra cui il peso del paziente, l’attività del paziente e le proprietà meccaniche della protesi. La questione della durata di una protesi è stata studiata in dettaglio nel corso degli anni. Gli studi attuali indicano che oltre l’85 percento delle protesi funzionerà bene per 20 anni. Il concetto fondamentale è: se una protesi è ben impiantata, dura anche 30 anni. Per questo è fondamentale rivolgersi ad un chirurgo specialista in protesi di ginocchio.

Cosa devo fare prima dell’intervento?

E’ fondamentale nei 30 giorni prima dell’intervento chirurgico mangiare sano, non avere infezioni (vie urinarie e dentarie, le più frequenti: nel caso, comunicarlo subito al proprio chirurgo) e non affaticarsi.

Alcune settimane prima dell’operazione, il paziente viene chiamato dalla Clinica dove effettuerà l’intervento per effettuare la “pre-ospedalizzazione”, che consiste in esami del sangue, elettrocardiogramma, una visita con un medico specializzato in medicina interna e un anestesista.

Queste figure hanno la possibilità di richiedere ulteriori esami al paziente prima di dare l’OK all’intervento chirurgico. Generalmente, con il prelievo di sangue si effettua anche lo studio del gruppo sanguigno, qualora dovesse essere necessario dopo l’intervento chirurgico.

E’ fondamentale venire alla visita con la terapia medica domiciliare perfettamente trascritta e comunicare eventuali allergie a farmaci. Il consiglio è di recarsi dal proprio medico curante per farsi fare una relazione completa, da consegnare ai medici che effettueranno la pre-ospedalizzazione.

E cosa avviene dopo l’intervento?

Immediatamente dopo l’intervento di protesi di ginocchio, sarai nella stanza di osservazione, per circa 30 minuti. La maggior parte dei pazienti è in grado di andare in una stanza normale dopo circa 45-60 minuti, quando la sensibilità comincia ritorna nelle gambe. Avrai il ginocchio piegato a 70° per circa 2 ore dopo l’intervento e una macchina del ghiaccio che ridurrà il gonfiore.

Circa 3-4 ore dopo l’intervento, è possibile eseguire alcuni degli esercizi secondo le istruzioni del fisioterapista che verrà in camera, tra cui le contrazioni del quadricipite, lo spostamento dei piedi su e giù, piegare e stendere il ginocchio con un elastico ed alzarsi per andare in bagno con l’assistenza di un deambulatore e un terapista. Per questo motivo con il Protocollo Fast Track non viene messo alcun catetere. Potrai mangiare leggero già qualche ora dopo la procedura chirurgica. Inizierai una terapia antidolorifica che ti verrà somministrata in compresse.

Il primo giorno dopo l’intervento sarà molto attivo, progettato per aiutarti a diventare più mobile. Incontrerai nuovamente i nostri fisioterapisti, che ti istruiranno in più esercizi da eseguire mentre sei a letto, a bordo letto e in piedi. Camminerai nuovamente, stavolta per una maggiore distanza. Questo si ripeterà due volte: una al mattino e una al pomeriggio. Se tutto andrà bene al mattino, nel pomeriggio potrai fare le scale (sempre con ausilio del terapista e di stampelle). Sarà fondamentale che tu applichi costantemente la macchina del ghiaccio.

Dal secondo giorno post operatorio, ti sarà più facile muoverti. Non userai più il girello ma ti muoverai con due stampelle. Con il fisioterapista ripeterai nuovamente gli esercizi del giorno prima, aumenterai la distanza percorsa di camminata (un corridoio intero) e rifarai le scale. Sempre due volte al giorno: mattino e pomeriggio.

Il terzo giorno, verranno valutati i tuoi parametri vitali. Se essi saranno nella norma, il tuo livello di dolore sarà basso e ti sentirai autonomo nelle attività basiche della vita quotidiana (alzarsi per andare in bagno, camminare con stampelle per almeno 70 metri, aver fatto le scale, stare in piedi senza perdere equilibrio) potrai essere dimesso a casa. Il tuo percorso, però, non sarà finito: dovrai assolutamente proseguire la fisioterapia o con un terapista privato o con una struttura convenzionata, dove dovrai andare almeno 2-3 volte la settimana. Questo per tutto il mese successivo all’intervento.

Dovrai sempre aggiornare il tuo chirurgo o farlo aggiornare dal terapista che ti seguirà.

Con i controlli programmati (15 giorni, 30 giorni, 90 giorni, 120 giorni, 240 giorni) il tuo ritorno all’attività sarà costantemente controllato. In genere, i pazienti sono in grado di camminare senza limitazione dopo 6 settimane dall’intervento ed anche guidare. A 8 settimane, i pazienti sono in grado di riprendere a giocare a golf e nuotare; a 12 settimane, possono giocare a tennis in doppio. Il chirurgo ti aiuterà a decidere quali attività puoi riprendere.

Artrosi di Ginocchio e Protesi: Le Domande più Comuni

D: Cos'è l'artrosi e cosa la causa?

R: L’artrosi è una patologia in cui le articolazioni si infiammano e la cartilagine che riveste le ossa si deteriora. Alla fine, si verifica l’usura dell’osso su osso. Man mano che la malattia progredisce, i pazienti avvertono spesso dolore, rigidità e disabilità. La stragrande maggioranza delle persone diagnosticate ha l’artrosi e nella maggior parte dei casi non è possibile identificare la causa della loro condizione. Una o più articolazioni possono essere interessate. L’artrite reumatoide (e altre forme di artrite infiammatoria) è una malattia che colpisce l’intero sistema e le articolazioni multiple. Questo tipo di artrite è una malattia autoimmune in cui il corpo percepisce la cartilagine come una sostanza estranea e la attacca.

D: Se ho l'artrosi in un ginocchio, mi verrà anche nell'altro?

R: Se ti è stata diagnosticata l’osteoartrite, avere un ginocchio interessato non significa che svilupperai l’artrite nel ginocchio opposto. Circa il 40 percento dei pazienti che hanno l’artrosi in un ginocchio avrà le stesse condizioni nell’altro ginocchio. Al contrario, i pazienti con artrite reumatoide spesso sviluppano problemi in entrambe le ginocchia.

D: Perché il mio ginocchio sta diventando più storto di prima?

R: La crescente deformità del ginocchio rappresenta la maggiore usura della cartilagine e dell’osso in un compartimento del ginocchio rispetto ad un altro.

D: Cos'è quel suono scricchiolante che sento nel mio ginocchio?

R: Il suono di cracking rappresenta le superfici ruvide che sfregano l’una contro l’altra. Invece della cartilagine liscia che scivola contro la cartilagine, l’osso artrosico è ruvido e irregolare e non scivola bene.

D: Quali rimedi, oltre alla chirurgia, mi possono aiutare?

R: Modificare le tue attività per evitare quelle che causano dolore può rendere più sopportabile la condizione del tuo ginocchio. Inoltre, perdere peso riduce notevolmente le forze sull’articolazione del ginocchio, riducendo anche il dolore.

D: Esistono esercizi che aiuteranno la mia artrosi al ginocchio?

R: La terapia fisica spesso aiuta nelle prime fasi. Il tuo chirurgo ortopedico può insegnarti alcuni di questi esercizi che si concentrano sul rafforzamento del muscolo quadricipite. Inoltre, il chirurgo può indirizzarti da un terapista, che ti svilupperà un programma per potenziare la muscolatura della gamba senza sovraccaricare il ginocchio. In generale sono preferite attività in acqua, bicicletta o cyclette ed esercizi a terra.

D: Perché dovrei sostituire il mio ginocchio?

R: La decisione di fare una protesi del ginocchio è personale e deve tenere conto dei rischi e dei benefici della procedura. La maggior parte dei pazienti deciderà di operarsi quando non potrà più sopportare il dolore associato alla loro artrosi e le loro attività quotidiane saranno per lo più impedite.

D: Di cosa è fatta la protesi?

R: L’impianto protesi del ginocchio è costituito da una combinazione di metallo e plastica. Le parti metalliche sono generalmente composte da cromo cobalto o titanio e la plastica è realizzata in polietilene ad altissimo peso molecolare.

D: Farò partire un metal detector?

R: Mentre le protesi del ginocchio generalmente non attivano i metal detector, macchine più sensibili possono registrare la presenza dell’impianto. Alcuni medici danno ai loro pazienti le carte da mostrare all’aeroporto che il portatore ha ricevuto una protesi del ginocchio contenente metallo.

D: Quanto tempo richiede l'operazione?

R: L’operazione richiede generalmente tra 45 e 60 minuti.

D: Se entrambe le mie ginocchia hanno l'artrosi, posso averle entrambe sostituite contemporaneamente?

R: Sì, i pazienti sani di età inferiore ai 75 anni, senza malattie cardiopolmonari, possono essere candidati a tale intervento chirurgico. Solo un chirurgo molto esperto di ginocchio può eseguire questa procedura.

D: Che tipo di anestesia viene utilizzata?

R: La maggior parte delle protesi totali di ginocchio viene eseguita in anestesia regionale. Si chiama blocco epidurale, che è lo stesso tipo di anestesia somministrata alle donne in travaglio. L’anestesia epidurale fornisce intorpidimento dalla vita in giù, quindi non ci sarà dolore durante l’intervento chirurgico. Inoltre, ai pazienti viene somministrato un leggero sedativo per renderli assonnati oppure possono stare svegli (come vogliono).

D: Quando potrò tornare all'attività?

R: Il tuo ritorno all’attività sarà guidato dal tuo chirurgo e dal tuo fisioterapista. In genere, i pazienti sono in grado di camminare quanto vogliono dopo 6 settimane dall’intervento. I pazienti sono in grado di riprendere la guida sempre a 6 settimane. A 8 settimane, i pazienti sono in grado di riprendere a giocare a golf e nuotare; a 12 settimane, possono giocare a tennis in doppio.

D: Quanto durerà la sostituzione?

R: Studi attuali hanno indicato che circa l’85 percento delle protesi funzionerà bene per 20 anni. Ma questo dipende dalla bravura del tuo chirurgo nell’impiantarla, dal tuo peso corporeo e dal tuo stile di vita. Se la protesi si consuma, potresti essere un candidato per una seconda sostituzione del ginocchio.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!