Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Revisione Protesi d’Anca

Home  /  Anca  /  Revisione Protesi d’Anca

Revisione Protesi d’Anca

La sostituzione dell’anca totale primaria convenzionale è un’operazione duratura nella maggior parte dei pazienti. Una sostituzione dell’anca è un dispositivo meccanico con parti, più comunemente denominate “sfera e coppa”, che vengono assemblate prima e durante l’operazione. Dopo l’intervento chirurgico, questa protesi sferica ripristina il movimento dell’anca per tutta la durata della protesi. Come con qualsiasi altro dispositivo meccanico, una sostituzione totale dell’anca può essere soggetta a varie forme di fallimento, meccanico o biologico. Un tale fallimento può richiedere un reintervento della protesi d’anca per affrontare la causa del fallimento e le sue conseguenze. Il reintervento di una protesi totale d’anca è chiamato revisione.

Perché considerare una revisione dell’anca?

La maggior parte dei pazienti anziani sottoposti a protesi d’anca mantiene la protesi per 15-20 anni, e talvolta per tutta la vita. Tuttavia, alcuni pazienti potrebbero aver bisogno di una o più revisioni di una protesi d’anca, in particolare se l’intervento di sostituzione dell’anca iniziale viene eseguito in giovane età e il paziente sceglie di avere uno stile di vita fisico molto attivo.

Le indagini pre-operatorie su pazienti sottoposti a chirurgia di revisione sono più estese di quelle per pazienti sottoposti a chirurgia primaria. Spesso, possono essere necessarie speciali proiezioni radiografiche (raggi X), scansione TC o imaging MRI dell’anca per determinare la posizione e il fissaggio delle parti di ricambio (componenti) e per determinare con precisione l’entità della perdita ossea attorno a un impianto fallito. Effettuare un’aspirazione preoperatoria (campione di fluido) e / o un’analisi del sangue può essere necessario se il chirurgo sospetta un’infezione.

Cause di revisione della protesi di anca

Le operazioni di revisione dell’anca vengono eseguite relativamente di rado. Negli Stati Uniti, vengono eseguite circa 18 sostituzioni dell’anca di revisione per ogni 100 sostituzioni dell’anca. I motivi più comuni per la revisione sono:

  • Dislocazione ripetitiva (ricorrente) di una protesi d’anca
  • Guasto meccanico (usura dell’impianto – allentamento o rottura)
  • Infezione

Lussazione ripetitiva dell’anca

Come accennato in precedenza, la struttura di un impianto di sostituzione dell’anca ricorda quella dell’anca naturale (una palla e una coppa). Affinché una protesi d’anca funzioni correttamente, la palla deve rimanere sempre all’interno della coppa. Due fattori sono chiave in questa congruenza:

  • l’allineamento e l’aderenza della palla e della coppa nell’osso
  • le forze generate dai muscoli e dai legamenti intorno all’articolazione dell’anca

Una protesi d’anca è progettata per avere una vasta gamma di movimenti. Tuttavia, un trauma o alcune posizioni dell’anca possono costringere la sfera dell’anca a fuoriuscire dalla coppa. Questa condizione è chiamata dislocazione dell’anca o lussazione.

Le lussazioni sono relativamente rare, in particolare nel paziente sano che segue attentamente le precauzioni fornite dal chirurgo e dal fisioterapista. Tuttavia, alcuni pazienti sono predisposti a questa complicazione: anziani, pazienti debilitati o coloro che effettuano una protesi d’anca dopo una frattura dell’anca o dopo interventi chirurgici multipli all’anca.

I pazienti che hanno subito una lussazione dell’anca sono predisposti a ulteriori lussazioni, poiché la palla lussata disturba i muscoli e i legamenti intorno all’anca. Le lussazioni multiple sono rare, ma nei pazienti che hanno subito lussazioni multiple dell’anca, il chirurgo ortopedico può raccomandare un intervento di revisione.

La chirurgia di revisione è efficace nel prevenire una nuova lussazione. Prima dell’intervento chirurgico, il chirurgo può richiedere studi di imaging per determinare la posizione esatta e l’orientamento delle diverse parti della protesi. Potrebbe essere necessario riorientare o sostituire completamente una o più parti durante la revisione.

In alcuni casi, il chirurgo può utilizzare un dispositivo che “cattura” la palla all’interno della coppa (chiamato cotile vincolato). La corretta guarigione dei tessuti molli attorno a un’anca revisionata è molto importante per il successo dell’operazione. Pertanto, il chirurgo può raccomandare di indossare un tutore per alcune settimane dopo l’intervento chirurgico. Dopo l’intervento chirurgico, è importante seguire i consigli del chirurgo e astenersi dal spostare l’anca in posizioni che possono generare una nuova lussazione.

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Guasto meccanico (usura, allentamento o rottura)

Le parti di una protesi d’anca che si muovono l’una contro l’altra si consumano lentamente durante l’uso regolare della protesi. Più giovane e fisicamente attivo è il paziente, più veloce è l’usura. Il movimento continuo e ripetitivo delle parti meccaniche provoca la rottura di piccoli pezzi di protesi dell’anca (“particelle di usura”). A seconda del tipo di sostituzione dell’anca, queste particelle possono essere realizzate in plastica, cemento, ceramica o metallo.

Il sistema immunitario di un paziente riconoscerà le particelle libere come corpi estranei (non una parte naturale del corpo) e genererà una risposta immunitaria (come una reazione allergica). Una forte reazione alle particelle di usura può provocare la distruzione dell’osso attorno alla protesi d’anca (una condizione chiamata osteolisi). Se la distruzione ossea è abbastanza grave, i componenti dell’anca sostituita possono allentarsi. Se la perdita ossea è abbastanza grave, può verificarsi anche una frattura ossea spontanea (nota come frattura patologica).

Esistono, tuttavia, altre forme di guasto meccanico, come la rottura della protesi, che può verificarsi durante una caduta o una collisione.

Durante l’intervento chirurgico di revisione per usura, allentamento meccanico o rottura, il chirurgo rimuoverà i componenti usurati, allentati o rotti, valuterà la quantità di perdita ossea e impianterà nuovi componenti. Spesso, è necessario un innesto osseo per ricostruire il contenuto osseo perso a causa dell’insufficienza protesica. In alcuni casi, quando deve essere utilizzata una grande quantità di innesto osseo o quando la massa ossea del paziente è di scarsa qualità, il chirurgo può chiedere al paziente di non sostenere il peso completo sulla gamba operata per un periodo di tempo specificato dopo l’intervento chirurgico.

Infezione di una protesi d’anca

L’infezione può verificarsi in qualsiasi momento dopo l’intervento chirurgico. Il rischio è più elevato durante le prime sei settimane. Il rischio di infezioni “tardive” dopo tale periodo è inferiore. A volte, le infezioni non correlate all’anca, ad esempio nella bocca, nelle gengive o nei denti (anche dopo regolari procedure dentali che coinvolgono sanguinamento delle gengive) o nei polmoni, nelle urine o nella pelle, possono causare l’ingresso di batteri nel flusso sanguigno. Questi batteri possono quindi seminare e infettare la protesi dell’anca, causando dolore e febbre.

In presenza di un’infezione protesica, il chirurgo tenterà di identificare l’organismo (batteri) che sta causando l’infezione. Un’aspirazione dell’anca può essere raccomandata. Il liquido aspirato dall’anca verrà inviato a un laboratorio e testato per determinare il tipo di batteri presenti e gli antibiotici a cui i batteri sono sensibili (sensibili).

Una volta diagnosticata un’infezione nella protesi d’anca, sono possibili diverse opzioni di trattamento. Le opzioni di trattamento più comuni includono:

  • un’accurata pulizia chirurgica della protesi d’anca. Questo è generalmente raccomandato quando l’infezione viene scoperta molto presto (entro poche ore o giorni). I pazienti richiedono sei settimane di antibiotici per via endovenosa e, spesso, una bassa dose di antibiotici per via orale per un lungo periodo di tempo (a volte per tutta la vita).
  • un cambio completo di una protesi d’anca, fatto in due fasi:
  • una prima fase consiste nella rimozione completa della protesi d’anca, nella pulizia dell’osso e nell’impianto di un distanziatore di cemento temporaneo che consentirà un po ‘di movimento dell’anca e fornirà antibiotici all’anca la zona. Questo è generalmente seguito da un ciclo di sei settimane di antibiotici per via endovenosa.
  • la seconda fase consiste nel reimpianto di una protesi dell’anca (generalmente da 6 a 8 settimane dopo l’operazione iniziale). Un cambio completo di una protesi d’anca eseguita come una singola operazione, durante la quale viene rimossa la protesi infetta, l’osso viene pulito e viene impiantata una nuova protesi. I pazienti richiedono sei settimane di antibiotici per via endovenosa e, spesso, una bassa dose di antibiotici per via orale per un lungo periodo di tempo (a volte per tutta la vita).

Prevenire la necessità di un intervento di revisione dell’anca

È di vitale importanza che un paziente con protesi d’anca sia consapevole dei rischi di infezione e fallimento dell’impianto e che si controlli da solo dopo la chirurgia. Alcune delle suddette forme di fallimento possono essere prevenute.

Le dislocazioni possono essere prevenute seguendo le istruzioni del chirurgo. Alcune forme di infezione dell’anca possono essere prevenute trattando tempestivamente altre infezioni corporee e assumendo antibiotici prima di alcune procedure dentali e di altro tipo.

L’usura naturale di una protesi generalmente non provoca dolore o disagio. Pertanto, è molto importante che il paziente faccia controllare regolarmente la protesi d’anca. Un semplice esame fisico e radiografie a cadenza costante sono necessari. Se viene rilevata un’eccessiva usura e / o perdita ossea in qualsiasi momento, è necessario un attento monitoraggio per determinare il miglior tempo possibile (se presente) per la revisione della protesi d’anca.

Cose da tenere a mente quando si considera la revisione dell’anca

Durante l’intervento di revisione, il chirurgo potrebbe dover rimuovere o sostituire una o più parti della protesi d’anca. Le parti che non sono attaccate all’osso possono essere sostituite in modo sicuro con una rimozione minima o nulla dell’osso del paziente. Tuttavia, se è necessario sostituire le parti metalliche a contatto con l’osso, si verifica generalmente una perdita ossea. Inoltre, una parte della muscolatura intorno all’anca andrà persa, influenzando così la forza dell’anca e la funzione del paziente dopo l’intervento chirurgico. I risultati della chirurgia di revisione non sono prevedibili come quelli della chirurgia primaria. Le complicazioni sono più frequenti.

Una revisione di una protesi d’anca è generalmente più impegnativa dell’operazione iniziale. Non dovrebbe essere considerato o paragonato al “cambio delle gomme su un’auto”. I risultati dell’intervento chirurgico e la durata della sostituzione dell’anca rivista sono meno prevedibili di quelli dell’operazione primaria. Con ogni intervento di revisione, si verifica una perdita di massa muscolare, ossa o entrambi. La durata dell’intervento è generalmente più lunga e la probabilità di complicanze è maggiore rispetto all’intervento primario.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!