Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Impingement Femoro-Acetabolare

Home  /  Anca  /  Impingement Femoro-Acetabolare

Impingement Femoro-Acetabolare

L’articolazione dell’anca è un’articolazione a “sfera e coppa” situata dove l’osso della coscia (femore) incontra l’osso pelvico. Il segmento superiore (“testa”) del femore è una sfera rotonda che si inserisce all’interno della cavità nell’osso pelvico che forma l’incavo, noto anche come acetabolo. La palla è normalmente trattenuta nel cotile da legamenti molto potenti che formano una manica completa attorno alla capsula articolare.

Sia la sfera che l’incavo sono ricoperti da uno strato di cartilagine liscia. La cartilagine funge da spugna per attutire l’articolazione, permettendo alle ossa di scivolare l’una contro l’altra con pochissimo attrito. Inoltre, la profondità dell’acetabolo (incavo) è aumentata da un bordo fibrocartilagineo chiamato labbro, che riveste il bordo dell’incavo e afferra la testa del femore, fissandolo nell’articolazione. Il labbro funge da “anello a O” o guarnizione, per garantire che la sfera si inserisca nella presa.

Che cos’è l’impingement femoro-acetabolare?

L’impingement femoro-acetabolare si verifica quando la sfera (testa del femore) non ha tutto il suo raggio di movimento all’interno della cavità (acetabolo del bacino).

L’impatto stesso è la collisione o l’impatto prematuro e improprio tra la testa e / o il collo del femore e l’acetabolo. Ciò provoca una ridotta gamma di movimenti dell’articolazione dell’anca, oltre al dolore. Più comunemente, l’impingement femoro-acetabolare è il risultato di un osso in eccesso che si è formato attorno alla testa e / o al collo del femore, altrimenti noto come impingement di tipo “cam”. L’impingement femoro-acetabolare si verifica comunemente anche a causa della crescita eccessiva del bordo acetabolare (cavità), altrimenti noto come conflitto di tipo “pincer” o quando l’incavo è angolato in modo tale che si verifichi un impatto anormale tra il femore e il bordo dell’acetabolo.

Cosa succede all’interno di un’articolazione dell’anca che ha un impingment?

Quando l’osso extra sulla testa del femore e / o sul collo colpisce il bordo dell’acetabolo, la cartilagine e il labbro che rivestono l’acetabolo possono essere danneggiati.

L’osso extra può apparire ai raggi X come un “bump” apparentemente molto piccolo. Tuttavia, quando l’urto sfrega ripetutamente contro la cartilagine e il labbro (che servono per attutire l’impatto tra la palla e l’incavo), la cartilagine e il labbro possono sfilacciarsi o strapparsi, causando dolore. Man mano che si perde più cartilagine e labbro, l’osso del femore avrà un impatto con l’osso del bacino. Questa nozione di “osso su osso” è più comunemente nota come artrosi.

Le lesioni del labbro possono anche piegarsi nello spazio articolare, limitando ulteriormente il movimento dell’anca e causando ulteriore dolore. Questo è simile a ciò che accade nel ginocchio di qualcuno con un menisco strappato.

Come si verifica l’impingement femoro-acetabolare?

L’osso extra che porta all’impingement è spesso il risultato della normale crescita e sviluppo osseo. L’impingement di tipo “cam” si verifica quando tale sviluppo porta alla protuberanza ossea sulla testa e / o sul collo del femore.

Lo sviluppo normale può anche provocare la crescita eccessiva del bordo acetabolare o impingement “pincer”. Anche il trauma dell’anca (cadendo sull’anca) può portare a un conflitto. Le lesioni del labbro e / o della cartilagine sono spesso il risultato di attività atletiche che comportano movimenti rotatori ripetitivi o flessione dell’anca ripetitiva.

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Quali sono i sintomi comuni associati all’impingement?

L’impingement può presentarsi in qualsiasi momento tra l’adolescenza e la mezza età. Molte persone si accorgono inizialmente di un dolore nella parte anteriore dell’anca (inguine) dopo una seduta o una camminata prolungate. Anche camminare in salita risulta difficile.

Il dolore può essere un dolore sordo o una sensazione acuta. Il dolore può anche essere sentito lungo il lato della coscia e nei glutei.

Come viene diagnosticato l’impingement?

Le immagini mediche sotto forma di radiografia e imaging a risonanza magnetica (MRI) sono cruciali per la diagnosi dell’impingement femoro-acetabolare. I raggi X possono rivelare un eccesso di osso sulla testa o sul collo del femore e sul bordo acetabolare. Una risonanza magnetica può rivelare sfilacciamenti o lesioni della cartilagine e del labbro.

Trattamento conservativo (non chirurgico) per impingement femoro-acetabolare

Il trattamento non chirurgico deve sempre essere considerato per primo nel trattamento dell’impingement femoro-acetabolare. L’impingement femoro-acetabolare può spesso essere risolto con il riposo, modificando il proprio comportamento e una terapia fisica e / o regime antinfiammatorio. Tali trattamenti conservativi hanno avuto successo nel ridurre il dolore e il gonfiore delle articolazioni.

Se il dolore persiste, a volte è necessario distinguere tra dolore che si irradia dall’articolazione dell’anca e dolore che si irradia dalla parte bassa della schiena o dell’addome. Un metodo comprovato per differenziare i due è iniettando nell’anca con uno steroide e analgesico. L’iniezione compie due cose: in primo luogo, se il dolore proviene effettivamente dall’articolazione dell’anca, l’iniezione fornisce al paziente un sollievo dal dolore. In secondo luogo, l’iniezione serve a confermare la diagnosi. Se il dolore è il risultato dell’impingement femoro-acetabolare, un’iniezione d’anca che allevia il dolore conferma che il dolore proviene dall’anca e non dalla schiena.

Artroscopia dell’anca nel trattamento dell’impingement femoro-acetabolare

L’artroscopia dell’articolazione dell’anca è stata descritta per la prima volta negli anni ’70 e poi ulteriormente perfezionata alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. I recenti progressi nello sviluppo di apparecchiature chirurgiche hanno permesso ai chirurghi ortopedici di trattare condizioni tradizionalmente ignorate o trattate con una procedura aperta. La procedura è stata popolare in Europa dall’inizio degli anni ’90, ma ha guadagnato popolarità negli Stati Uniti più recentemente, alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000.

La procedura di artroscopia dell’anca è stata più lenta ad evolversi rispetto all’artroscopia di altre articolazioni (come il ginocchio e la spalla) perché l’anca è molto più profonda nel corpo e quindi meno accessibile. Inoltre, poiché l’anca è un’articolazione a “sfera e cavità”, è necessario utilizzare la trazione in modo da esporre l’articolazione abbastanza da adattarsi agli strumenti chirurgici all’interno dell’articolazione senza causare ulteriori danni alla cartilagine e al labbro.

Cosa succede durante un’artroscopia dell’anca?

L’artroscopia dell’anca è una procedura minimamente invasiva. L’uso di un artroscopio significa che la procedura viene eseguita utilizzando 2-3 piccole incisioni anziché una chirurgia “aperta” più invasiva, che richiederebbe un’incisione molto più grande. Queste piccole incisioni, o “portali”, vengono utilizzate per inserire gli strumenti chirurgici nell’articolazione.

Aiutando altri progressi nella tecnologia dell’artroscopio, il flusso di soluzione salina attraverso l’articolazione durante la procedura fornisce al chirurgo una visualizzazione eccellente. Il chirurgo è anche aiutato dalla fluoroscopia, un’apparecchiatura a raggi X portatile che viene utilizzata durante l’intervento chirurgico per garantire che gli strumenti e l’artroscopio siano inseriti correttamente.

Gli strumenti includono un artroscopio, che è una fotocamera lunga e sottile che consente al chirurgo di visualizzare l’interno dell’articolazione e una varietà di “rasoi” che consentono al chirurgo di tagliare (sbrigliare) la cartilagine sfilacciata o il labbro che sta causando il dolore. Il rasoio viene anche utilizzato per radere via la protuberanza ossea che è responsabile della cartilagine o del danno labrale.

Oltre a rimuovere tessuti sfilacciati e corpi sciolti all’interno dell’articolazione, occasionalmente possono essere praticati fori in zone di osso nudo in cui la cartilagine è andata persa. Questa tecnica si chiama “microfrattura” e promuove la formazione di nuova cartilagine dove è stata persa.

La procedura viene normalmente eseguita come un intervento chirurgico day surgery, il che significa che il paziente ha l’intervento chirurgico al mattino e può tornare a casa lo stesso giorno. Normalmente, l’intervento è in anestesia regionale. In anestesia regionale, il paziente è intorpidito solo dalla vita in giù e non richiede un tubo respiratorio.

Qual è il tempo di recupero associato all’artroscopia dell’anca?

Seguendo la procedura, ai pazienti vengono normalmente fornite le stampelle da utilizzare per le prime 1-2 settimane per ridurre al minimo il peso corporeo. Un appuntamento post-operatorio si tiene normalmente una settimana dopo l’intervento chirurgico per rimuovere le suture. A seguito di questo appuntamento, il paziente inizia normalmente un regime di terapia fisica che migliora la forza e la flessibilità dell’anca.

Dopo sei settimane di terapia fisica, molti pazienti possono riprendere le normali attività, ma potrebbero essere necessari 3-6 mesi per non provare dolore in seguito all’attività fisica. Poiché non esistono due pazienti uguali, per formulare il miglior piano di recupero possibile sono necessari regolari appuntamenti post-operatori con il proprio chirurgo

Chi trarrà beneficio dall’artroscopia dell’anca e quali sono le possibili complicanze?

A seguito di una combinazione di esami fisici e diagnostici, i pazienti sono ritenuti idonei per l’artroscopia dell’anca caso per caso. I pazienti che rispondono meglio all’artroscopia dell’anca sono soggetti attivi con dolore all’anca, dove esiste un’opportunità per preservare la quantità di cartilagine che hanno ancora. I pazienti che hanno già subito una significativa perdita di cartilagine nell’articolazione possono essere più adatti ad avere un’operazione più estesa, che può includere una sostituzione dell’anca.

Gli studi hanno dimostrato che l’85-90% dei pazienti con artroscopia dell’anca torna allo sport e ad altre attività fisiche al livello in cui era prima dell’inizio del dolore e dell’impingement dell’anca. La maggior parte dei pazienti chiaramente migliora, ma non è ancora chiaro fino a che punto la procedura arresti il ​​decorso dell’artrosi. I pazienti che hanno deformità scheletriche sottostanti o condizioni degenerative potrebbero non provare così tanto sollievo dalla procedura quanto un paziente con semplice impatto.

Quali solo le complicanze?

Come per tutte le procedure chirurgiche, rimane una piccola probabilità di complicanze associate all’artroscopia dell’anca. Alcuni dei rischi sono legati all’uso della trazione. È necessaria la trazione per distrarre e aprire l’articolazione dell’anca per consentire l’inserimento di strumenti chirurgici. Ciò può causare dolore post-operatorio ai muscoli e ai tessuti molli, in particolare intorno all’anca e alla coscia. Intorpidimento temporaneo all’inguine e / o alla coscia può anche derivare da una trazione prolungata. Inoltre, ci sono alcune strutture neurovascolari attorno all’articolazione dell’anca che possono essere ferite durante l’intervento chirurgico, nonché una possibilità di una cattiva reazione all’anestesia.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!