Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Displasia dell’Anca

Home  /  Anca  /  Displasia dell’Anca

Displasia dell’Anca

La displasia dell’anca, nota anche come lussazione dello sviluppo o lussazione congenita dell’anca, è quella in cui l’incavo dell’articolazione dell’anca non supporta completamente la sfera dell’articolazione. La condizione può creare un disallineamento graduale o lussazione dell’anca, che può logorare la cartilagine e portare ad artrosi ad esordio precoce dell’anca. Un’anca displasica può anche portare a una lesione acetabolare labrale (un labbro strappato, che è un tessuto molle che riveste e fissa la cavità dell’articolazione dell’anca).

I sintomi della displasia dell’anca comprendono dolore all’inguine e / o sul lato o sul retro dell’articolazione dell’anca.

Questi sintomi possono essere distinti dai “dolori della crescita”, che sono più comuni nei bambini di età inferiore ai 10 anni. I dolori delle gambe, delle ginocchia e dei fianchi sono generalmente avvertiti di notte, dopo che il bambino è stato attivo durante il giorno, ma poi scompare la prossima mattina.

In una condizione più grave come la displasia dell’anca, il dolore rimarrà costante o aumenterà nel tempo. Un bambino o un giovane adulto con displasia dell’anca può anche sentire un suono – generalmente caratterizzato da clic, schiocco o scoppio – quando si sposta l’anca durante l’attività. Il paziente può anche sviluppare un cedimento per evitare il dolore.

Anatomia dell’articolazione dell’anca

Per comprendere la sostituzione dell’anca, è necessario comprendere la struttura dell’articolazione dell’anca. L’anca è un giunto sferico. La palla, nella parte superiore del femore (osso coscia) si chiama testa del femore. L’incavo, chiamato acetabolo, fa parte del bacino. La palla si muove nella coppa, consentendo alla gamba di ruotare e spostarsi in avanti, indietro e lateralmente.

In un’anca sana, i tessuti molli chiamati cartilagine coprono la palla e l’incavo per aiutarli a scivolare insieme senza intoppi. Se questa cartilagine si consuma o viene danneggiata, le ossa si uniscono e diventano ruvide. Ciò provoca dolore e può rendere difficile camminare.

Esistono diversi gradi di displasia?

Vi è una vasta gamma di gravità tra i casi di displasia dell’anca. I casi più lievi non possono essere notati fino all’adolescenza o alla giovane età adulta. I casi più gravi di solito possono essere rilevati durante il periodo perinatale (poco prima o dopo la nascita). Esistono diversi fattori di rischio che aumentano la probabilità di displasia dell’anca in un bambino prenatale o neonato. Per i bambini che hanno uno o più di questi fattori di rischio, si consiglia di eseguire un’ecografia intorno alle 4-6 settimane per vedere se l’anca si sta sviluppando o meno normalmente.

Trattamenti per la displasia dell’anca

Le persone con displasia dell’anca non hanno sempre bisogno di un intervento chirurgico. Se la condizione viene diagnosticata precocemente (nel periodo prenatale o durante l’infanzia), può spesso essere trattata efficacemente con il rinforzo. Una displasia dell’anca lieve potrebbe non richiedere alcun trattamento, ma potrebbe essere necessario monitorarla man mano che il bambino cresce. In tali casi, le complicazioni non possono mai sorgere o possono insorgere solo quando il bambino diventa un adolescente o un giovane adulto.

Per i casi più gravi, la displasia dell’anca in un bambino scheletrico immaturo può essere trattata con una varietà di procedure chirurgiche diverse, del bacino e dell’acetabolo. In un adolescente o giovane adulto scheletricamente maturo, viene eseguita una procedura chiamata osteotomia periacetabolare (PAO). In un PAO, le parti del bacino vengono tagliate al fine di riposizionare l’acetabolo in modo da fornire una migliore copertura alla testa del femore. Questo intervento ha un grande potenziale per prevenire o ritardare l’artrosi dell’anca, soprattutto se viene eseguito prima di una lesione della cartilagine irreversibile, come un labbro lacerato.

Cos’è il Protocollo Fast Track?

Displasia dell’Anca Pediatrica

La displasia pediatrica dello sviluppo dell’anca, o displasia dell’anca, è il termine usato per descrivere un ampio spettro di anomalie dell’articolazione dell’anca che possono svilupparsi nel periodo della nascita o durante l’infanzia.

Nell’articolazione dell’anca sana, l’estremità superiore del femore (osso coscia) incontra l’acetabolo per adattarsi insieme come una palla e una coppa, in cui la palla ruota liberamente nella coppa. La cartilagine, un tessuto protettivo liscio, riveste le ossa e riduce l’attrito tra le superfici durante il movimento.

Nella displasia dell’anca dello sviluppo, tuttavia, una o più di queste funzioni funzionano in modo errato. Le condizioni racchiuse nel termine displasia dell’anca includono:

  • Anca lussata: dove non c’è contatto tra la cartilagine sulla palla e la cartilagine sulla coppa
  • Anca dislocabile: dove la palla e la coppa si aprono e si staccano facilmente
  • Anca sublussibile: dove la cartilagine della palla o della testa del femore e la coppa si toccano, ma la palla non è posizionata correttamente nella coppa
  • Anca displasica: dove la palla, la coppa o entrambi sono malformati

Le cause

La genetica svolge un ruolo importante nell’incidenza della displasia dell’anca. Il rischio di lussazione dell’anca alla nascita è di circa uno su mille. Se un genitore ha manifestato displasia dell’anca durante l’infanzia, il rischio che il proprio figlio lo sviluppi aumenta del 12% rispetto a un genitore che non ha avuto alcuna storia. Un bambino il cui fratello ha displasia dell’anca avrà una probabilità superiore del 6% di sviluppare la condizione. Anche tra i bambini che non hanno legami ereditari, esiste un rischio maggiore in tutti i primogeniti.

Le altre influenze includono:

  • Anomalie di crescita: inclinazione della testa (torcicollo) e rigonfiamento della parte anteriore del piede (metatarsus adductus) sono spesso il risultato di essere costretti in un utero troppo piccolo
  • Parto podalico: questo è quando il bambino emerge per primo dalle natiche del canale del parto. Un bambino in età parto ha una probabilità 10 volte maggiore di sviluppare displasia dell’anca rispetto a un bambino nato a capofitto
  • Altri fattori: la displasia dell’anca è molto più comune nelle ragazze rispetto ai ragazzi e colpisce più frequentemente l’anca sinistra rispetto a quella destra; circa l’80% dei casi segue questo schema. Tuttavia, la condizione può essere presente in entrambi i fianchi

Diagnosi

Quando la displasia dell’anca dello sviluppo è presente alla nascita, l’anomalia può essere rilevata durante un esame fisico di routine del neonato. Durante questo esame, il medico flette delicatamente i fianchi del bambino in diverse direzioni. Se l’anca è lussata, dislocabile o sublussabile, il medico potrebbe avvertire un “clunk” mentre l’anca si sposta fuori allineamento.

In una percentuale minore di casi, il problema non si manifesta fino alla prima infanzia. La diagnosi successiva di displasia dell’anca può essere rilevata durante gli esami di routine della stabilità dell’anca. I segni che possono portare alla displasia dell’anca dello sviluppo non diagnosticata all’attenzione del genitore e del medico includono:

  • Una discrepanza nella lunghezza delle gambe dal lato interessato
  • Un’andatura ondeggiante (che indica che entrambe le gambe sono interessate)
  • Gamma di movimento limitata

Per confermare una diagnosi di displasia dell’anca nei bambini fino a 4-6 mesi di età, l’ortopedico utilizza un’ecografia. Questa tecnologia offre un vantaggio significativo rispetto ai raggi X convenzionali perché le immagini possono essere scattate con l’anca in movimento.

Tutore di Pavlik

Per i pazienti fino a sei mesi di età, la prima scelta di trattamento per la displasia dell’anca è l’uso del tutore di Pavlik, un tutore morbido che reindirizza delicatamente la testa del femore nella profondità dell’incavo o dell’acetabolo, stimolando il normale sviluppo di il giunto.

L’imbracatura viene generalmente utilizzata per un totale di tre mesi, inizialmente a tempo pieno e poiché la posizione dell’anca migliora e viene raggiunta la stabilità, può essere istituito un trattamento con imbracatura part-time. Il trattamento con il tutore di Pavlik ha successo in circa l’85% delle anche lussate nei bambini di età inferiore ai sei mesi.

Riduzione chiusa della lussazione

Per il piccolo numero di pazienti in cui il trattamento con il tutore non ha esito positivo e per i bambini in cui la diagnosi non viene effettuata fino a quando non hanno compiuto sei mesi, l’ortopedico può raccomandare una riduzione chiusa o aperta. La riduzione è una procedura in cui le ossa vengono riallineate o rimesse in posizione. Sfortunatamente, il tutore di Pavlik non è una buona opzione di trattamento per i bambini più grandi perché da allora l’anca è diventata più fissa in posizione lussata ed è meno facilmente riallineata.

Le procedure di riduzione sono eseguite da ortopedici pediatrici con esperienza specializzata nel trattamento della displasia dell’anca. Durante una procedura di riduzione chiusa, il medico utilizza la radiografia per osservare l’anca e quindi la manipola delicatamente in un corretto allineamento, senza effettuare incisioni. Dopo una riduzione chiusa dell’anca, il paziente viene posto in un gesso di corpo per 12 settimane, per mantenere il corretto allineamento dell’anca e dell’acetabolo. È obbligatorio eseguire l’imaging della sezione trasversale dell’anca dopo una riduzione chiusa per confermare la posizione appropriata dell’anca. La modalità di imaging preferibile è la risonanza magnetica, poiché non ci sono radiazioni.

Le complicanze

I rischi associati con la chirurgia – sanguinamento, infezione e quelli associati all’anestesia – sono minimi. Gli ortopedici pediatrici prestano particolare attenzione per evitare una condizione chiamata necrosi avascolare (AVN) in cui la testa del femore (la sfera dell’articolazione dell’anca) non riceve abbastanza sangue, una condizione che può provocare una crescita anormale dell’osso.

Risultati

Come già detto, prima viene trattata la condizione, maggiore è la possibilità di un esito positivo: un’anca che appare anatomicamente normale sia durante l’esame fisico che ai raggi X. I bambini trattati per displasia dell’anca vengono esaminati a intervalli regolari fino a quando non sono scheletricamente maturi (quando la crescita è completata), per garantire che lo sviluppo normale continui. In alcuni casi, un’anca lussata che è stata ridotta con successo può ancora sviluppare displasia negli anni successivi, richiedendo un trattamento aggiuntivo.

Displasia dell’Anca in Adolescenti e Giovani Adulti

Sebbene il dolore cronico all’anca sia spesso associato all’invecchiamento, la comparsa di questo sintomo negli adolescenti e nei giovani adulti può essere un segno di displasia dell’anca, una condizione in cui una o più aree dell’articolazione dell’anca non si sono sviluppate normalmente.

Nell’articolazione dell’anca sana, l’estremità superiore del femore incontra l’acetabolo per adattarsi insieme come una palla e una coppa, in cui la palla ruota liberamente nella coppa dell’anca. La cartilagine articolare, un tessuto protettivo liscio, riveste le ossa e limita l’attrito tra le superfici ossee durante il movimento. Un altro pezzo di tessuto molle chiamato labbro – che è fatto di cartilagine fibrosa – riveste la cavità dell’anca, ammortizza l’articolazione e aiuta a mantenere la “palla” (la testa del femore) in posizione.

Negli individui con displasia dell’anca, l’acetabolo non si sviluppa completamente, rendendolo troppo superficiale per contenere e sostenere adeguatamente la testa del femore. Quando è presente questa anomalia, la sfera e la coppa sono disallineati e il labbro può finire per sopportare le forze che dovrebbero essere distribuite su tutto il fianco. Inoltre, viene esercitata maggiore forza su una superficie più piccola della cartilagine dell’anca e dell’osso, causando artrite per un certo numero di anni.

Le lesioni al labbro e ai legamenti che aiutano a tenere in posizione l’articolazione possono aumentare il dolore e l’usura della cartilagine. La gravità della displasia dell’anca può variare considerevolmente da casi in cui vi è un lieve disallineamento a una dislocazione completa della testa del femore e dell’acetabolo.

Se non trattata, la displasia dell’anca può causare alterazioni degenerative precoci: l’inizio dell’osteoartrosi, in cui la cartilagine si consuma e le ossa si sfregano contro l’osso. In casi avanzati, il paziente può richiedere la sostituzione dell’anca

Cause e incidenza

La causa dello sviluppo anormale dell’acetabolo non è ancora ben compresa, anche se sembra esserci una relazione tra la posizione del feto nell’utero, le nascite podaliche e una storia familiare di displasia. Lo screening per la displasia dell’anca (chiamata anche displasia dell’anca pediatrica o displasia dell’anca dello sviluppo) è una cura di routine per i neonati, ma è impossibile rilevare tutti i casi di eventuale displasia nel periodo neonatale. Alcune di queste anomalie sono relativamente lievi e potrebbero non essere rilevate precocemente o causare sintomi fino a quando l’individuo non raggiunge l’adolescenza o successivamente.

Si ritiene che un numero significativo di protesi d’anca sia il risultato di displasia dell’anca non trattata – fino al 26%, secondo i dati raccolti nel registro norvegese dell’artroplastica in un periodo di 10 anni. Alcuni esperti ritengono che questa cifra sia più alta.

Sebbene la displasia dell’anca si verifichi più frequentemente sul lato sinistro del corpo, possono essere interessati uno o entrambi i fianchi. Recentemente è stato dimostrato che la deformità è bilaterale (che si verifica su entrambi i lati) nel 40% dei pazienti, con gravità variabile su entrambi i lati. La displasia dell’anca è più comune nelle donne che negli uomini, un fenomeno che potrebbe essere dovuto alle differenze anatomiche nella pelvi femminile e alla tendenza delle donne ad avere una maggiore lassità (scioltezza) nei legamenti.

La displasia dell’anca può essere osservata in una vasta gamma di pazienti, ma gli adolescenti tendono ad avere displasia più grave, poiché i tessuti molli che circondano l’articolazione falliscono prima

Diagnosi

Oltre a un esame fisico approfondito e all’anamnesi del paziente, gli ortopedici utilizzano i raggi X, la risonanza magnetica (MRI) e, in alcuni casi, le immagini 3D Tac per confermare una diagnosi di displasia dell’anca.

Non di rado, il danno che è visibile su queste immagini non corrisponde ai sintomi del paziente; ad esempio, il paziente può avere un notevole danno alla cartilagine, ma sperimentare pochissimo dolore.

Non tutte le lesioni labrali sono il risultato della displasia dell’anca. Le lesioni labrali dell’anca possono essere secondarie ad altre cause del dolore dell’anca, come l’impingement femoro-acetabolare.

Trattamento chirurgico

I pazienti con displasia dell’anca che avvertono dolore e hanno un danno limitato alla loro cartilagine possono essere candidati per l’osteotomia periacetabolare (PAO). Questa procedura prevede una serie di tagli nell’osso per riorientare l’acetabolo sopra la testa del femore, al fine di ripristinare un’anatomia più normale. Le viti vengono quindi posizionate nelle ossa per stabilizzare questa posizione.

Nel 10% dei pazienti il ​​chirurgo ortopedico può anche eseguire un’osteotomia femorale. L’artroscopia dell’anca può anche essere eseguita insieme a una PAO in pazienti selezionati (ad esempio, per riparare il labbro).

Per essere idoneo alla PAO, il paziente deve aver raggiunto o essere vicino al raggiungimento della maturità scheletrica; la fascia bassa della fascia d’età è di circa undici anni. Mentre i pazienti più giovani tendono ad avere il più basso tasso di complicanze e tempi di recupero più rapidi, i pazienti fino ai 40 anni sono idonei per la PAO a condizione che soddisfino altri criteri (artrosi minima, buona gamma di movimenti e sintomi lievi).

I pazienti in cui il danno alla cartilagine è significativo e progressivo non sono buoni candidati per la PAO; il trattamento iniziale non chirurgico e l’eventuale sostituzione totale dell’anca possono essere un’alternativa efficace. In casi selezionati, il chirurgo utilizza l’artroscopia in aggiunta alla PAO. L’artroscopia dell’anca da sola non è generalmente consigliata per la displasia dell’anca con una lacerazione labrale, poiché può interrompere i legamenti e i muscoli che circondano l’anca, destabilizzando ulteriormente l’articolazione.

I pazienti sottoposti a PAO vengono ricoverati in ospedale per 5-7 giorni. Dopo la dimissione, il paziente usa le stampelle per 4-6 settimane. La maggior parte ritorna alle normali attività entro 3-6 mesi. Nei pazienti con displasia in entrambi i fianchi, gli interventi chirurgici vengono eseguiti a distanza di 4-6 mesi.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!