Feugiat nulla facilisis at vero eros et curt accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril.
+ (123) 1800-453-1546
info@example.com

Related Posts

+39 3914736535
Lun - Ven: 8:00 - 20:00
segreteria.dottfilippone@gmail.com
Title Image

Artroscopia dell’Anca

Home  /  Anca  /  Artroscopia dell’Anca

Artroscopia dell’Anca

L’artroscopia è l’esame dell’interno di un’articolazione usando un artroscopio: un tubo flessibile a fibra ottica con una piccola telecamera collegata a un monitor. Ciò consente al chirurgo di vedere una vista ingrandita dell’articolazione. Strumenti chirurgici artroscopici appositamente progettati vengono utilizzati anche per eseguire diversi tipi di chirurgia articolare mini-invasiva.

L’artroscopia dell’articolazione dell’anca è stata perfezionata alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. Da allora, lo sviluppo di avanzate apparecchiature chirurgiche artroscopiche ha permesso ai chirurghi ortopedici di trattare condizioni precedentemente non trattabili o che richiedevano procedure più invasive e aperte.

Cos’è l’artroscopia dell’anca?

L’artroscopia dell’anca è una procedura minimamente invasiva in cui un chirurgo ortopedico utilizza un artroscopio per esaminare l’interno dell’articolazione dell’anca.

Questa procedura consente al chirurgo di diagnosticare la causa del dolore all’anca o di altri problemi all’articolazione. Alcune condizioni dell’anca possono anche essere trattate artroscopicamente. Per eseguire la chirurgia artroscopica dell’anca in questi casi, in genere vengono eseguite due o tre piccole incisioni per consentire all’oscilloscopio e ad altri strumenti chirurgici di entrare in uno spazio stretto tra la testa e il cotile dell’articolazione dell’anca. Questa procedura minimamente invasiva presenta vantaggi rispetto alla tradizionale chirurgia a cielo aperto perché provoca pochissimo trauma all’articolazione dell’anca, viene generalmente eseguita in regime di day hospital in cui i pazienti tornano a casa dopo la procedura e in genere ha un breve periodo di recupero.

Quali condizioni dell’anca possono essere trattate artroscopicamente?

Le lesioni e le condizioni comuni che possono essere riparate con la chirurgia artroscopica dell’anca sono:

  • impingement dell’anca (impingement femoro-acetabolare), che limita la gamma di movimento ed è una delle principali cause di artrosi
  • riparazione o taglio di uno strappo del labrum,
  • rimozione di frammenti di cartilagine allentati all’interno dell’articolazione (che di solito sono causati da una lesione, come un labbro strappato)
  • rimozione del rivestimento articolare malato o infiammato
  • rimozioni di speroni ossei dolorosi

Quali sono i vantaggi dell’artroscopia dell’anca?

L’artroscopia presenta diversi vantaggi rispetto alla tradizionale chirurgia dell’anca aperta, poiché:

  • provoca pochissimo trauma all’articolazione (che minimizza il dolore all’anca e le cicatrici)
  • viene generalmente eseguito in regime di day hospital
  • in genere ha un breve periodo di recupero
  • può posporre l’avanzamento dell’artrite dell’anca trattando la sua causa nelle fasi iniziali
  • può ritardare o eliminare la necessità di una sostituzione dell’anca trattando preventivamente le condizioni che causano l’artrosi dell’anca
Cos’è il Protocollo Fast Track?

Come avviene l’artroscopia dell’anca

Prima della procedura, ti verrà somministrata l’anestesia per prevenire la sensazione di dolore. Potresti subire l’anestesia generale, in cui un gas ti fa addormentare, o l’anestesia regionale, in cui un’iniezione o un piccolo tubo (catetere) eroga farmaci per la colonna vertebrale, intorpidendoti dalla vita in giù. Molto spesso, sarai posizionato con la gamba tirata in trazione, il che crea spazio nell’articolazione dell’anca e consente agli strumenti di accedere all’articolazione senza ferire la cartilagine circostante. L’accesso allo spazio ristretto nell’articolazione dell’anca è complicato dall’orientamento dei nervi e dei vasi sanguigni circostanti. Per garantire che l’artroscopio e gli strumenti siano inseriti correttamente, un dispositivo a raggi X portatile chiamato fluoroscopio verrà posizionato per l’uso durante la procedura.

Due o tre piccole incisioni lunghe da un 1-3 cm, chiamate portali, saranno fatte lungo siti pre-segnati. Innanzitutto, verrà inserito un ago nello spazio articolare e, quando il posizionamento viene confermato con il fluoroscopio, si inietta una soluzione sterile a base d’acqua, creando una pressione del fluido per aiutare a mantenere aperta l’articolazione. Viene praticata un’incisione e un filo guida viene fatto passare attraverso l’ago, che viene ritirato. Successivamente, un tubo sottile, chiamato cannula, viene inserito sopra il filo guida nello spazio articolare. Il filo viene ritirato e un artroscopio viene inserito attraverso la cannula per visualizzare l’articolazione. Si possono fare fino ad altri due portali, al fine di posizionare tutti gli strumenti e riparare i tessuti nelle varie posizioni.

Tipicamente, l’Ortopedico esaminerà le condizioni della cartilagine articolare che copre la testa della cavità dell’anca (testa del femore) e all’interno della presa (acetabolo). Questa cartilagine consente alle superfici ossee di scivolare l’una contro l’altra senza intoppi. Le condizioni dei legamenti che legano le ossa l’una all’altra e il solido anello di cartilagine che circonda l’incavo, chiamato labbro, saranno esaminate per eventuali lesioni. Lo spazio all’interno dell’articolazione verrà esaminato alla ricerca di corpi liberi di materiale cartilagineo e segni di infiammazione o condizioni degenerative. Si potrà procedere alla rimozione di frammenti liberi di cartilagine, degli speroni ossei artrosici, alla riparazione di una lesione di un labbro lacerato.

A seconda dei risultati e del trattamento, l’artroscopia dell’anca può richiedere da trenta minuti a due ore. Una volta completato, l’artroscopio e l’altra strumentazione vengono ritirati. Le incisioni possono essere chiuse con 2-3 suture e coperte con piccole bende, oppure possono essere tenute chiuse con strisce rigide.

Quanto dura il dolore dopo l’artroscopia dell’anca?

Potresti ricevere una prescrizione per il dolore e apposizione di ghiaccio, indossare un tutore, camminare con le stampelle o limitare il carico per un certo periodo di tempo. I sintomi spesso migliorano immediatamente dopo la procedura, ma possono verificarsi recidive di alcuni dolori mentre il rivestimento irritato guarisce e può verificarsi temporaneo versamento nell’anca e nel ginocchio a seguito della trazione. Potresti anche sentire una sensazione di acqua nell’anca o sentire rumori gorgoglianti derivanti dal fluido usato durante l’intervento chirurgico, ma questo verrà rapidamente assorbito dal corpo. Il gonfiore dovrebbe diminuire entro circa una settimana e qualsiasi sutura verrà in genere rimossa in sette-dieci giorni. Il tempo per il pieno recupero varia a seconda del trattamento specifico eseguito durante la procedura.

I pazienti con artroscopia dell’anca di solito devono usare le stampelle per una o due settimane dopo l’intervento chirurgico e fare sei settimane di terapia fisica. Potrebbero essere necessari da tre a sei mesi prima che non avvertano dolore dopo l’attività fisica.

Prenota il tuo appuntamento direttamente online!